La Sagra delle Fave e delle Olive a Giovinazzo

Fonte: www.ilturista.info

Protesa a mare, a pochi chilometri da Bari, la cittadina di Giovinazzo ospita dal 18 al 19 gennaio la Sagra delle fave e delle olive; una due giorni dedicata ai sapori tradizionali e a due delle eccellenze locali che apre la stagione delle sagre baresi.
Qui le fave si chiamano “crepiet” e in occasione della festa vengono cucinate nelle pignet, caratteristiche pentole di creta, accompagnate da buon vino e dalle saporite olive in acqua conservate in grossi contenitori di creta chiamati “capasidd”. Oltre alle degustazioni di fave e olive, la manifestazione prevede il mercatino dell’artigianato, esibizioni di danza, canti e balli a cura di gruppi folcloristici locali, gruppi di sbandieratori, esposizione di abiti storici e mostre.
Chiude la sagra la suggestiva accensione dei falò e delle fiaccole per le vie del borgo.
La sagra rievoca la festa del 1463 tenuta in occasione della morte del principe di Taranto, Giulio Antonio Orsini, reo di aver bombardato la cittadina e gli oliveti circostanti.

Informazioni utili, date e orari per visitare la Sagra
Nome: Sagra delle fave e delle olive
Dove: Giovinazzo (Bari)
Quando: dal 18 al 19 gennaio
Biglietto: ingresso libero
Come arrivare: siamo in Puglia, una trentina di chilometri a nord di Bari; Giovinazzo è raggiungibile dal capoluogo seguendo la statale 16.

Seguici su:

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Le fave mi piacciono tantissimo. Anche in Emilia erano tipiche di sant’Antonio.

Rispondi